Fiorella Mannoia @ ModaMusica 2016

  • 6
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
image_pdfimage_print
di Silvia Amato (testo) e Gianluca Talento (foto)

Nella cornice del Mc Arthur Glen di Serravalle Scrivia (Al), sabato 18 giugno 2016 ha aperto la rassegna #ModaMusica Fiorella Mannoia.
Accompagnata egregiamente da Carlo Di Francesco (percussioni), Davide Aru (chitarre), Diego Corradini (batteria), Luca Visigalli (basso), Luciano Zanoni (tastiere, fisarmonica) e Fabio Valdemarin (pianoforte),
l’artista ci ha regalato due ore di concerto, attraversando il suo ricco percorso di interprete.
Da “Caffè nero bollente” a “Come si cambia”, passando per “Sally”, “Un bimbo sul leone”, “Ho imparato a sognare”, “Cercami” , “L’amore con l’amore si paga”, alternando vecchi e nuovi brani propri con altri, veri
omaggi a colleghi, così come contenuti nell’ultimo cd “Fiorella” del 2014.
Momenti giocosi con una Fiorella in splendida forma, divertita e divertente, come nella versione inaspettata di “Messico e Nuvole”, lasciano spazio ad altri più riflessivi ed intimi, con un forte richiamo alla centralità della Donna, nelle sue molteplici sfaccettature: amata, amante, amica, figlia.
Toccante, nel brano “In viaggio”, la lettera scritta da Fiorella stessa ad una figlia immaginaria, in cui la genitrice – biologica o no, non importa, “perché tutte le Donne sono Madri di fatto” – si sofferma e rivolge
alla giovane un augurio, più che una raccomandazione, di coerenza, libertà e determinazione.
Ancora, rivolgendosi al pubblico, un appello discreto ma sentito al rispetto della Donna ed una implicita condanna alla piaga di violenza che affligge la nostra società.
Di grande impatto emotivo, infine, le versioni di ampio respiro, nella loro estrema delicatezza, di “Cara” e “La casa in riva al mare” in ricordo dell’amico Lucio Dalla, artista e uomo “mai pianto abbastanza”.

Precedente Cina più vicina? Diario di bordo della Finardi Band Successivo Eugenio Finardi @ Reload Sound Festival