Crea sito

Giuvazza @ Reload Home Sweet Home

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
image_pdfimage_print
di Silvia Amato (testo) e Gianluca Talento (foto)

Venerdì 6 Aprile 2018, sul palco dell’Hydro di Biella si è esibito Giovanni Giuvazza Maggiore (voce e chitarra) con Marco Lamagna (basso) e Claudio Arfinengo (batteria).
Cantautore, chitarrista, produttore, presenta il nuovo progetto, “Nudisti al sole”, il primo da solista, dopo le fruttuose collaborazioni come  musicista/arrangiatore con Eugenio Finardi, Levante e Paola Turci, tra gli altri.
La scaletta, ricca di spunti contenutistici, da “Aspirine” a “Ti stai cercando” a “Ti lascio tutto”: individui in bilico tra essere ed apparire, mondo reale vs. virtual reality, alla continua ricerca di salvezza e di se stessi. Ci si chiede quindi “Chi ci salverà” (“Nudisti al sole”) “consolidando aspettative per non deludere mai” (“Mal di stomaco”).
L’artista non ha la pretesa di dare una risposta, ma l’occasione per riflettere, perché “non si è mai abbastanza persi nel niente” (“Violentemente”)
Azzeccatissime le rivisitazioni di “Meri Luis” (Lucio Dalla) e “Don Giovanni” (Lucio Battisti).
Lo stile è un mix calibrato tra rock ed elettronica, in equilibrio tra psychedelia e dodecafonia; il merito da ricercarsi anche nell’evidente intesa di intenti tra Giuvazza ed i suoi ottimi musicisti (anch’essi da anni al fianco di Eugenio Finardi, ndr).
Spettacolo nello spettacolo è assistere alla performance esplosiva di Giovanni e della sua chitarra, in un continuo dialogo, perenne contorcersi tra istinto e tecnica.
L’artista ed il suo strumento, l’uomo e la chitarra, come in un prolungamento reciproco, tali che non trovo azzardato definirli “Giovanni e la Sua Giuvazza”.

 

Si ringraziano Giovanni Maggiore, Claudio Arfinengo e Marco Lamagna per la consueta disponibilità e cortesia.

error: Content is protected !!