Omar Pedrini + Modena City Ramblers @ Laboratorio Sociale

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
image_pdfimage_print
di Silvia Amato (testo) e Gianluca Talento (foto)

 –

Sabato 27 aprile 2019, festeggiamenti esplosivi per il decimo compleanno del Laboratorio Sociale.
La serata si apre con il graditissimo ritorno dei Modena City Ramblers, carichi più che mai per presentarci brani classici del loro repertorio ed altri tratti dall’ultimo album “Riaccolti”, caratterizzato da una dimensione acustica, che pone quindi l’accento sul suono, un ritorno alle origini folk, con particolari richiami al mondo Irish.
Emozioni, empatia, energia in un continuo scambio tra i musicisti ed il pubblico, in piena esaltazione adrenalinica.
La band sul palco alterna e mescola alla perfezione rock, pop e folk, come in una danza, una coreografia di suoni, colori e vibrazioni, con l’irrinunciabile impegno sociale, nel nome dell’uguaglianza e dell’antifascismo. Così, da “Clan Banlieue” a “Pasta nera”, a “Mia dolce rivoluzionaria”; da “Riaccolti” a “Contessa”, “Il posto dell’airone” e “In un giorno di pioggia”. Immancabili “I cento passi”, “Fischia il vento” e “Bella ciao” che scatenano una vera e propria onda incontenibile di condivisione e partecipazione, proprio nel nome dei principi solidali ed egualitari che da sempre animano il Laboratorio Sociale.
A seguire, l’attesissimo Omar Pedrini, con il progetto “Timoria – Viaggio senza vento (e dintorni)”. Lo Zio Rock ci accompagna a ripercorrere l’avventura della band che ha segnato la storia della musica rock da metà anni ’80, precorrendo tempi e modi, imponendosi con un ruolo emblematico nel panorama discografico e live. Un viaggio corale ed entusiasmante, tra note ed emozioni, da “Senza vento” a “Sole spento”, a “Freedom”, vero e proprio inno all’amicizia, alla fratellanza e alla condivisione.
Ancora, “La cura giusta”, “Come serpenti in amore” e “Verso Oriente”.
Anche qui, il pubblico ha ricambiato con calore e vitalità quanto trasmesso dal palco, per un risultato complessivo di altissima valenza artistica, musicale ed aggregativa.

Precedente Francesco Baccini "Piano e voce" Successivo 7° FIM Salone della Formazione e dell'Innovazione Musicale