Sanremo 2021 – Conferenza Stampa del 05/03/2021

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
image_pdfimage_print
di Gianluca Talento (testo)

Anche oggi il ciclo di isteresi si ripete. Si fanno ancora riferimento ai dati Auditel e alla questione di fare o non fare Sanremo. A questo si aggiunge un’altra variabile che è il tempo di ogni singola puntata. Per quanto, la serata dei duetti è stata definita un po’ prolissa. Questo ha creato un altro problema per quello che riguarda la consegna dei vincitori al testate giornalistiche.
Si macinano problemi su problemi anziché trovare soluzioni.
In questo interviene il Direttore di rete Coletta, che esprime “Grande contentezza per questo racconto contaminazione tra canzoni dalla nostra memoria e il linguaggio dei nuovi talenti” specifica in relazione agli ascolti la “Concorrenza del calcio”. Ma ciò non deve essere inteso su uno “Stare sulla difensiva”. Anzi questa serata delle cover, ha dato la possibilità ai numerosi fruitore del festival di ascoltare “Pezzi noti e interpretazioni belle”, sostiene il Direttore. In virtù del fatto che il boom del trend e tra i 15 e 24 anni soprattutto nel target femminile abbassa l’età media della ascoltatore da 55 A 54 anni. Aggiunge Coletta di “Aver attratto una platea” che “Deve essere un travaso di target”.

Conseguentemente la durata del programma è sostenibile considerato anche gli anni passati in cui c’era il dopofestival. A sostegno di ciò si può evidenziare che i momenti più visti sono stati in particolare due: Fiorello che canta “Fatti mandare dalla mamma” in cui ci sono stati 13 milioni di contatti, mentre la seconda è l’esibizione di Madame dopo mezzanotte. Il tutto è stato reso ancora più trasversale dall’approfondimento degli artisti in gara perché “Mossi su pezzi conosciuti” esclama Coletta.

A supporto della tesi subentrano i dati riportati dal vice direttore di Rai Play: successo con un +71% sul on-demand, mentre si porta una media di 44%, valore medio tra la diretta streaming e l’on-demand. Nello specifico sulla piattaforma il momento più visto è stato quello dei Maneskin insieme a Manuel Agnelli. Si è passati da 5,4 milioni a 6,2 milioni di interazioni. “La miglior serata” dicono le interazioni sui social, portando un + 100% alla piattaforma giovane. Si dice sia merito di Fiorello, ma questa affermazione non crea attrito tra il conduttore ed il Rosario nazionale. Amadeus sostiene questa cosa detta dicendosi “Molto felice, ieri come oggi”. A questo punto però il conduttore sposta l’angolo sulla forte rottura.

Rimarca che questo festival è il “70 + 1″ed aggiunge “in un anno dove il mondo è cambiato, non un timido mito cambiamento. Il mondo è in un limbo che non ha permesso di emergere. I dati sono straordinari”. È cambiata decisamente la fruizione televisiva anche perché abbassandosi il target dell’intrattenimento, tutti coloro che guardano il Festival sono divisi tra il mezzo classico e di nuovi dispositivi che sono in continua crescita.

A dar manforte a Sanremo non ci sono solo i dati diretti dell’auditel, ma ci sono anche i riferimenti alle radio ed alle nuove piattaforme. All’interno della top ten delle radio, 9 successi sono sanremesi, mentre la fruizione dei brani sulle varie piattaforme è passato da 600 mila a 4 milioni.

Per tagliare la testa al toro invece sulla storia Sanremo s/ Sanremo no, interviene il presidente la regione Liguria. “Ringrazio tutti gli organizzatori; non era un lavoro facile prendere misure continue che turbano l’opinione pubblica”, comunque aggiunge Toti “assolutamente favorevole al Festival; il Covid ci ha già colpito abbastanza, con tutte le limitazioni del corso nel caso, dove la ASL n.1 ha fatto un gigantesco sforzo”

L’unica nota stonata potrebbe essere l’incontro con gli esercizi commerciali. Ma quello che deve risaltare è aver dato la possibilità a tante persone dello spettacolo (operai, macchinisti, elettricisti, staff di ogni ordine e grado ndr) di lavorare “che vivono del loro stipendio”.

A questo punto viene passata la palla a Fasulo che come sempre fornisce la scaletta.

In primis però vuole precisare che quei tamponi sono scongiurati altri ritiri, quindi “solo Irama è incappato in questo inciampo”. Il Vicedirettore specifica anche che dal suo punto di vista “La serata è stata epica”, non solo grazie alla squadra di Amadeus ma anche al coordinamento tecnico ed al produttore del programma: Stefano Corsi e Simone Marconi.

A sostegno del tempo dilatato Fasulo fa un’altra interazione specifica: “95 sono stati gli artistiche si sono esibiti sul palco tra cantanti musicisti attori e ballerini esclusi i 26 Big in gara”.

Una grande tessitura per quello che riguarda il racconto dello spettacolo della serata delle cover che ormai da qualche anno ci fa compagnia durante la kermesse.

Passa poi agli ospiti di questa sera in cui ci saranno: Beatrice Venezi, Mahmood, Alessandra Amoroso Matilde Gioli ed Emma.

Co conduttrice della serata Barbara Palombelli.

Il primo vero ed importante tassello della Kermesse targata 2021, verrà fissato in questa serata: vincitore nuove proposte, Premio Mia Martini e premio Lucio Dalla.

Le nuove proposte si esibiranno secondo la seguente uscita: Davide Shorty, Folcast, Gaudiano e Wrongonyou.

Nelle domande, poi scaturite successivamente da alcuni giornalisti, si è ancora evidenziato il problema del tempo troppo lungo, l’ingabbiamento di Fiorello nei movimenti della terza serata,le differenti modalità di utilizzo dello spazio televisivo (compresi i programmi correlati del day-time che parlano del Festival di Sanremo), su quando e come verranno proclamati i vincitori e conseguentemente come avverranno le votazioni.

Tutte queste domande sono state ampiamente evase con numeri alla mano e con la spiegazione da parte del trio Amadeus-Coletta-Fasulo in una linea editoriale assolutamente consona al tempo che stiamo vivendo rispondendo punto su punto cercando di tamponare falsi problemi, che in realtà non esistono: se un progetto è affidato ad un gruppo manageriale è chiaro che quel progetto ha una linearità personale, che se venisse affidato ad un altro staff, probabilmente avrebbe altro soluzioni né migliori né peggiori: semplicemente altre soluzioni.

Precedente Sanremo 2021 - Conferenza Stampa del 04/03/2021 Successivo Sanremo 2021 - Conferenza Stampa del 06/03/2021