Fondazione Uspidalèt @ Teatro Alessandrino

di Gianluca Talento (foto)

Venerdì 29 novembre 2019 è “salita” sul palco del Teatro Alessandrino la solidarietà. Da dieci anni a questa parte, la Fondazione Uspidalèt, nota nel terriorio della provincia di Alessandria e non solo, organizza lo spettacolo di Natale per la raccolta fondi a favore di progetti relativi alla salute, legati alle strutture ospedaliere presenti sul terriotorio della città capoluogo. Quest’anno il ricavato della serata è stato interamente devoluto al progetto “Una guida per le neuroscienze”. Per raggiungere tale finalità sono stati invitati i big della canzone italiana vincitori dei grandi talent show: Paolo Vallesi con Amara, Chiara Galiazzo, Alberto Urso e Mahmood. Gli artisti hanno eseguito alcuni dei loro brani, tra cui gli ultimi successi appena sfornati dalle rispettive fabbriche discografiche. La serata è stata magistralmente condotta da Gian Maurizio Foderaro di Radio Rai, coadiuvato dalla brava e bella  giornalista alessandrina Genny Notarianni. Non sono mancati gli intermezzi, doverosi, per la presentazione del progetto da parte di alcuni esponenti dell’Azienda Ospedaliera locale. Anche le risate si sono rese protagoniste con alcuni intermezzi del noto comico di Zelig Enzo Paci. Da sottolineare anche la presenza importante sul palco di una vecchia gloria del calcio, nonchè attuale Dirigente della Juventus, Roberto Bettega, come special guest a favore dell’iniziativa. L’opening act è avvenuto con l’esibizione del coro di voci bianche del Conservatorio “A. Vivaldi” di Alessandria. Il risultato è stata una piacevole serata, in una sala quasi sold-out, trascorsa nei tempi e nei modi prestabiliti, dovuti al collegamento in diretta streaming sul canale di Rai Radio Tutta Italiana (collaboratrice dell’evento). Questo ci fa comprendere che quando si uniscono le forze, come sottolineato a fine spettacolo dal tecnico luci Fabio Coscia, si possono ottenere risultati incredibili.
Fare del bene, fa bene e ci da modo di condividere insieme per arricchirci di nozioni di scienza, cultura, sport e spettacolo.
Ecco la photogallery!




Drums & Guitars Night @ Asti

di Stefano Introvigne (foto)

Venerdì 20 settembre 2019 si è svolta in piazzale De Andrè ad Asti, nell’ambito della rassegna “Monferrato on stage”, l’evento “Drums & Guitars Night”.

I musicisti che si sono alternati sul palco insieme a Ettore Diliberto e alle Custodie Cautelari sono stati:

  • Chitarristi – Matt Backer (chitarrista di Elton John e Joe Cocker), Stef Burns e Maurizio Solieri (Vasco Rossi), Cesareo (Elio e le Storie Tese), Giacomo Castellano (Gianna Nannini e Piero Pelù), Max Cottafavi (Ligabue), Mario Schilirò (Zucchero), Giuseppe Scarpato (Edoardo Bennato), Andrea Fornili (Stadio) e Luca Colombo (Eros Ramazzotti, Nek e Raf)

  • Batteristi – Adriano Molinari (Zucchero), Roberto Gualdi (PFM), Ivano Zanotti (Ligabue), Alex Polifrone (Enrico Ruggeri e Custodie Cautelari), Robby Pellati (“La banda” di Ligabue) e Luca Martelli (Litfiba).

Con loro anche la presenza della violinista biellese Anais Drago.

A sorpresa la presenza del Maestro Alberto Radius che ha eseguito il brano portato al successo da Battisti e dallo stesso Radius “Insieme a te sto bene”.

I musicisti si sono esibiti alternandosi e avvicendandosi sul palco suonando brani storici del rock.

Si evidenzia a fine della serata che tutti insieme, batteristi e chitarristi, hanno eseguito “Purple Rain” di Prince con una serie di assoli di ogni chitarrista, come saluto al pubblico intervenuto.
Per onorare la presenza del Maestro Radius, la chisura del concerto è avvenuta suonando la mitica “Il tempo di morire” con un coro d’eccezione formato dalle circa duemila persone intervenute all’evento.

I proventi della serata sono andati interamente alle associazioni “Autismo che Fare” e “Anffas Onlus” di Asti. 
Quando la musica oltre a fare bene, può fare del bene.
Ecco la photogallery!

ngg_shortcode_0_placeholder




Red Canzian @ Castelnuovo Scrivia

di Paola Dellagiovanna (testo) e Gianluca Talento (foto)

Solidarietà e musica, questa è stata la 21esima giornata “Franca Cassola Pasquali” a Castelnuovo Scrivia che ha visto come ospite quest’anno, sabato 14 settembre sul palco in piazza Vittorio Emanuele II, Red Canzian accompagnato dalla sua meravigliosa band. Uno spettacolo fatto col cuore ma soprattutto con la famiglia, perché ad accompagnare lo storico bassista e cantante dei Pooh nel tour “Testimone del tempo – Le canzoni della nostra vita” ci sono i figli, Phil Mer alla batteria (che partirà in tour fra poco con Francesco Renga) direttore musicale e Chiara che canta, fa i cori, suona l’armonica e il basso. Accanto a loro due grandi musicisti Daniel Bestonzo al pianoforte e Alberto Milani alla chitarra. Le migliaia di persone in piazza hanno cantato e si sono emozionati insieme a Canzian su brani di Little Richard, Pink Floyd, Bob Dylan, Battisti, Tenco, Paoli, The Mamas & the Papas, Elton John. Fra le canzoni di una vita anche brani storici dei Pooh come “Stare senza di te”, “L’aquila e il falco”, “Stai con me”, “Chi fermerà la musica”, “Noi due nel mondo e nell’anima”, “Uomini soli”. Una scaletta che dagli anni Cinquanta arriva ai giorni nostri, con brani a cui Canzian è molto legato e che vuole con questo tour, proporre ai numerosi fans. Attualmente il cantautore è impegnato in due importanti progetti «Sto lavorando a un’opera ambientata nella Venezia del Settecento. Ho appena finito di scriverla e ora è in fase di arrangiamento. Sarà pronta l’anno prossimo. Poi faremo un casting e diventerà un musical. Inoltre sto scrivendo nuove canzoni per un album. Rimango comunque molto legato al pubblico e non riesco a stare lontano dal palco per più di tre o quattro giorni».

ngg_shortcode_1_placeholder




IL CONCERTO DI RED CANZIAN A CASTELNUOVO SCRIVIA SUPERA OGNI RECORD

E TOCCA QUOTA 21.230 EURO RACCOLTI. IL RICAVATO ANDRA’ AL NUCLEO DI SENOLOGIA DELL’OSPEDALE DI TORTONA

di Alessandra Dellacà (testo)
Credito foto: Carlo Balduzzi, Luigi Bloise, Gianluca Talento

Red Canzian lo aveva chiesto espressamente e il pubblico, che ieri sera ha affollato la piazza di Castelnuovo Scrivia per sostenere l’associazione Franca Cassola Pasquali, ha soddisfatto oltre ogni aspettativa il suo invito a superare il record dell’anno scorso. E così è stato: sono stati 21.230 gli euro raccolti durante la tappa castelnovese del “Testimone del Tempo” tour, fortemente rilanciata dal cantautore trevigiano che, il venerdì precedente, non aveva potuto esibirsi insieme alla sua band a causa del maltempo. <Sono rimasto profondamente colpito dall’impegno dei volontari di questo sodalizio nato nel nome della signora Franca – ha dichiarato Red –, che amava la musica, la nostra musica e sono sicuro che questa sera ha capito quanto amore c’è su questo palco per tutti voi e per lei. Per me resterà un bellissimo concerto da ricordare>. Un’onda lunga di positività e di energia ha travolto la platea di Castelnuovo Scrivia che, in occasione della 21^ “Giornata Franca Cassola Pasquali”, ha accolto il progetto “Giochiamoci la salute”: le atlete del Basket Club Castelnuovo – Autosped porteranno sulla loro maglietta, nel campionato di serie A2, anche il logo dell’associazione del loro paese per sensibilizzare l’opinione pubblica sul concetto di un corretto stile di vita, basilare per il benessere personale e tassello fondamentale nella prevenzione medica. Tutto il ricavato verrà devoluto al Nucleo di Senologia dell’ospedale di Tortona, diretto dalla dottoressa Maria Grazia Pacquola, responsabile della Breast Unit provinciale Asl Al. <Il concerto più bello ci ha regalato il risultato più bello – hanno commentato Giannino Pasquali, presidente della FCP e suo figlio Helenio -: grazie a Red Canzian per l’affetto che ci ha dimostrato e per la sua immediata e genuina disponibilità, a fine concerto, nell’aiutarci a trovare il cantante che calcherà il palcoscenico della prossima edizione>.

Foto: Carlo Balduzzi

ngg_shortcode_2_placeholder

Foto: Luigi Bloise

ngg_shortcode_3_placeholder

foto: Gianluca Talento

ngg_shortcode_4_placeholder

 




21^ Giornata Franca Cassola Pasquali a Castelnuovo Scrivia

di Alessandra Dellacà

GIOCHIAMOCI LA SALUTE” CON LA PREVENZIONE. ANCHE IL MONDO DEL BASKET FEMMINILE SPOSA LA 21^ GIORNATA FRANCA CASSOLA PASQUALI. IL 6 SETTEMBRE, A CASTELNUOVO SCRIVIA, IL CONCERTO DI RED CANZIAN A SOSTEGNO DELLA LOTTA AL TUMORE AL SENO.

Giocarsi la salute con l’obiettivo di vincere, di essere felici, di fare squadra, condividendo scelte intelligenti e premianti: è con questo spirito che i volontari dell’Associazione Franca Cassola Pasquali di Castelnuovo Scrivia lanciano la loro nuova “proposta per il futuro” nella lotta al tumore al seno. E lo fanno al fianco dell’Unità di Senologia dell’ospedale di Tortona, della musica e – in occasione della 21^ Giornata Franca Cassola Pasquali – del mondo dello sport. Saranno infatti le atlete della squadra femminile Autosped Basket Club Castelnuovo (società presieduta da Maurizio Sacchi) a salire sul palco di Piazza Vittorio Emanuele II, il prossimo 6 settembre alle 21.30, poco prima del concerto di Red Canzian e della sua band. Le giovani sportive, che da 5 anni gareggiano in serie A2, saranno le testimonial del progetto <Giochiamoci la salute> e, indossando la loro maglietta con impresso il logo dell’associazione dedicata alla signora Franca Cassola Pasquali, porteranno un messaggio importante nelle città italiane dove scenderanno in campo: <Con il loro esempio ci ricorderanno semplicemente come comportarci – spiega Maria Grazia Pacquola, responsabile della Breast Unit provinciale Asl Al-: molto, nel passaggio fondamentale legato alla prevenzione e ad un corretto stile di vita, dipende da ciascuno di noi mentre fa la spesa, cucina, mangia, beve, cammina, corre, lavora, sceglie consapevolmente –: la salute è un “diritto fondamentale della persona ed è un interesse della comunità”>. La senologia dell’ospedale tortonese – centro di riferimento provinciale per la prevenzione, la diagnosi precoce e la cura della neoplasia mammaria e quarta in Piemonte dopo le Breast Unit di Torino, Candiolo e Novara -, totalizza oltre 8000 prestazioni all’anno, fra visite, controlli, medicazioni, attività diagnostiche avanzate, oltre 400 interventi chirurgici di cui i due terzi per neoplasia. Ci sono poi centinaia di prestazioni per consulenti, accolti nelle <Stanze della Senologia>, dove le psicologhe colloquiano con le pazienti e i loro familiari, dove si effettuano counseling genetici o si ha la possibilità di essere seguite da una nutrizionista e dove sono previste sedute personalizzate di osteopatia, valutazioni individuali da parte dell’estetista della cute e degli annessi per gli effetti collaterali delle terapie. <In tutti questi anni il nostro sodalizio ha condiviso gli obiettivi e l’impegno per cercare di raggiungerli da parte di un gruppo di professionisti affiatati, preparati e accomunati dalla passione per il proprio lavoro – afferma Giannino Pasquali, presidente dell’Associazione FCP -: la realtà coordinata dalla dottoressa Pacquola collabora con la Rete oncologica del Piemonte e della Valle d’Aosta e con i centri di ricerca scientifica nazionale e partecipa a ricerche cliniche presentate a congressi internazionali e pubblicate su prestigiose riviste mediche: l’équipe multidisciplinare tortonese ha un indubbio valore per la struttura pubblica, per la popolazione, per la salute e per la prevenzione delle malattie>. E la gente, che ha fiducia nel servizio reso alle donne e alle loro famiglie in un momento drammatico e che cambia la vita come quello in cui viene comunicato un tumore, da 21 anni ripaga con slancio la macchina organizzativa di un evento – quello del concerto in piazza a Castelnuovo Scrivia, presentato da Alessandra Dellacà, con i big della canzone italiana – che fa da volano ad una serie di iniziative che proseguono tutto l’anno in più parti della provincia, sposate dall’universo associazionistico ma anche da enti, aziende e fondazioni bancarie. E proprio in queste ore è arrivato il messaggio di Red Canzian: <Sarà una grande emozione anche per me poter scrivere un’altra bellissima pagina della mia vita sul palco, che resterà sempre la mia casa. Per questo ringrazio di cuore il presidente Giannino Pasquali, il figlio Helenio e tutta l’associazione perché so che stanno facendo qualcosa di straordinario nel ricordo di una donna straordinaria, la signora Franca, che amava tanto i Pooh: ci amava. Vedrò volti nuovi e rivedrò volti conosciuti, quella gente attenta e di cuore che ci ha seguito, che mi ha seguito in tutti questi anni, con amore profondo ed immutato, per continuare a vivere, se Dio vorrà, quelle vibrazioni che solo la musica è in grado di regalarci>.




La più grande notte delle chitarre @ Asti

di Silvia Amato (testo) e Gianluca Talento (foto)

Venerdì 21 settembre 2018, ad Asti, a chiudere la rassegna Monferrato On Stage, “La più grande notte delle chitarre”.

Un evento unico che ha visto 12 chitarristi tra i migliori dell’attuale panorama musicale, insieme per scopo benefico, in favore dell’associazione “Autismo che fare”, nata per supportare ed aiutare i minori affetti da questa patologia ed i loro familiari, con iniziative di sostegno, percorsi formativi e laboratori didattici.

Direttore d’orchestra, Ettore Diliberto, adrenalinico frontman della storica band Custodie cautelari, ossia Anna Portalupi (basso), Nicola Denti (chitarra), Salvatore Bazzarelli (tastiere) e Alex Polifrone (batteria) presenti al completo. Tutti insieme come trait d’union tra gli artisti alternatisi sul palco.

Energia, comunione di intenti e rock puro, i tratti distintivi della serata, dall’atmosfera magica ed emozionante.

Hanno suonato per noi:

Andrea Cervetto, Giacomo Castellano, Giuseppe Scarpato, Luca Colombo, Matt Backer, Enrico Zapparoli, Maurizio Solieri, Ricky Portera, Mario Schilirò, Davide Luca Civaschi “Cesareo”, Federico Poggipollini, Stef Burns.

Duetti, assoli e virtuosismi, session corali improvvisate da parte di personalità istrioniche, divertenti e differenti, nel nome della solidarietà.

Finalmente una serata che esalta davvero questo concetto, attraverso e grazie alla Musica che unisce e fa riflettere, da ascoltare e che sa far “sentire” i bisogni di chi, intanto, aiuta.

ngg_shortcode_5_placeholder” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]




Tullio De Piscopo @ Politeama Alessandrino

di Silvia Amato (testo) e Gianluca Talento (foto)

Sabato 29 e Domenica 30 Novembre 2014, si è tenuta al Teatro Politeama Alessandrino l’iniziativa benefica per un progetto di raccolta fondi da destinare al Dipartimento Provinciale di Prevenzione Oncologica dell’ASL AL. Sul palco la Beggar’s Farm, formazione apprezzata sul territorio, diretta dal Mo. Franco Taulino, con arrangiamenti particolari ed innovativi di brani di Jethro Tull, New Trolls, PFM, Genesis.
Ospite d’eccezione, il batterista e cantautore Tullio De Piscopo, negli stessi giorni in città per presentare il volume autobiografico “Tempo! La mia vita”.
Magistrale l’esecuzione della Bourée dei Jethro Tull, suonata con tutti gli artisti della Beggar’s; a seguire, via via i suoi più grandi successi, dai più popolari, “Primavera”, “Andamento lento” e “Conga Milonga”, ai più intimi quali “Ballando ballando” composto per la nascita della nipotina
Giulia e “Come si’ bella” in ricordo della madre defunta, fino  all’immancabile omaggio alla canzone tradizionale napoletana con “O sarracino”.
Oltre ad un accorato appello in favore della prevenzione, strettamente legato alla sua vicenda personale, il Maestro ha portato sul palco una rinnovata energia, insieme alla proverbiale verve partenopea, in grado di riscaldare un pubblico istituzionale, forse poco abituato a sonorità così mediterranee e vitali.

Si ringrazia la Beggar’s: Franco Taulino (Voce, Flauto), Brian Belloni (Chitarra), Daniele Piglione (Basso), Mauro Mugiati (Piano), Gianni Robotti (Sax), Marco Cortona (Tromba), Giorgio Cortona (Tromba), Gianni Bernini (Batteria), Kenny Valle (Tastiere e Programming), Paola Gemma (Voce), Eliana Parodi (Voce).

ngg_shortcode_6_placeholder” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]

error: Content is protected !!